La reputazione professionale e la dimensione dell’apparenza

La foto raffigura il quadro di Magritte, raffigurante una sagoma di uomo con bombetta completamente sovrapponibile allo squarcio di una tenda che apre la vista al cielo

La reputazione professionale e la dimensione dell’apparenza

Due circostanze, una privata ed una professionale, mi hanno indotto in queste ore ad una riflessione sulla reputazione professionale ai tempi di Internet.

La prima è la tesina che mia figlia ha preparato per il suo esame di maturità (oggi siamo alla vigilia, finalmente!), da cui ho tratto l’ispirazione; la seconda riguarda l’accortezza con la quale alcuni affermati avvocati hanno trattato un mio invito a partecipare ad una iniziativa sulla legal innovation che sto preparando. Nonostante impegni, trasferte e riunioni, hanno trovato tempo e garantito disponibilità per una iniziativa non direttamente “promozionale”. Il loro “mettersi a disposizione” mi ha indotto ad un giudizio “personale” positivo, che si somma alla “percezione” già positiva che degli stessi avvocati e della loro competenza avevo tratto dalla loro dimensione digitale.

Cosa appare e cosa siamo. Chi fa comunicazione sa bene che il digitale ci permette di costruirci una dimensione di “apparenza”, nel senso di “cosa appare”. Ad una domanda diretta in occasione di una sua interessantissima lezione sul Brand management,  circa dove potesse spingersi il confine di questa dimensione apparente, se cioè potesse arrivare a non corrispondere alla vera natura della persona/brand, Daniele Chieffi mi ha risposto: “il limite è ampio”. Travalicarlo però è rischiosissimo, perché poi le aspettative devono essere soddisfatte, e perché – ha specificato – “la reputazione diventa la conferma di una aspettativa”.

La reputazione professionale. Jeff Bezos ci ha avvertito che la reputazione è “what people say about you when you arent’ in the room”.

E’ una qualità intangibile, un asset strategico soprattutto, a mio avviso, per gli avvocati e per i professionisti in genere perché in Italia – conferma l’Osservatorio Professionisti e Innovazione digitale del Politecnico di Milano – per la maggioranza degli studi legali e professionali la fonte di nuovi clienti è il “passaparola”.

Percezione e concretezza sono entrambe essenziali alla reputazione professionale. Se è vero dunque che la comunicazione digitale si nutre di percezioni, e che quindi ormai la prima impressione su ciascuno di noi viene cercata immediatamente su Google e sui social, digitando nome e cognome o brand dello studio legale per visitare il sito professionale; il passaparola si nutre delle esperienze concrete e dirette, di persona e tra persone.
Se questa dimensione phygital vale per i brand aziendali (che non possono più permettersi di fallire nella esperienza diretta di ciascun cliente con il proprio prodotto), figurarsi per i professionisti.

Insomma, cari Avvocati, curate pure con attenzione i vostri profili social e i contenuti nel vostro sito internet (è fondamentale!), ma sappiate che la carta ve la giocate sempre nella capacità di relazionarvi one to one, via e-mail – via skype – via chat – di persona o come altro vi pare – con i colleghi e collaboratori di studio, con i clienti, con gli altri colleghi, in tribunale, creando qualcosa di valore e che sia utile anche quando non è in causa direttamente la vostra competenza professionale.

Eviterete così l’effetto finale del romanzo di Oscar Wilde, dove al posto del ritratto di Dorian c’è la nostra fantastica foto profilo 😊

Related posts

Giustizia digitale: per gestire un buon progetto di innovazione serve comunicazione

Il Cepej, la commissione del Consiglio d’Europa che si occupa dell’efficienza dei sistemi giudiziari e delle buone pratiche nei 48 paesi membri, ha pubblicato a giugno 2019 alcune importanti linee guida per la realizzazione di un progetto di innovazione in ambito giudiziario (scarica Cepej Toolkit CyberJustice giugno 2019 by ClaMor) Ha indicato la strategia, attraverso

Read More
Tastiera del computer con raffigurata una bilancia

Influencer per comunicare la Giustizia. La Guida del Cepej della Comunicazione Giudiziaria

La Giurisdizione deve sapersi comunicare “bene”, cioè in maniera efficace e comprensibile. Non è più ormai questione del “se”; semmai diventa una questione del “chi”, “come” e “dove” (cioè su quali canali). E’ così allora è proprio la regola delle 5 W + H (che la regola basilare del giornalismo e- a mio avviso –

Read More
Un uomo guarda l'orizzonte tra nodi di rete e grattacieli

Dalla targa alla dimensione digitale: 3 mosse per l’Avvocato

Save the date: Roma – 5 e 6 Luglio 2019 “Dalla targa alla dimensione digitale. La cassetta degli attrezzi per la “buona” comunicazione dello studio legale (in tre mosse) “Quando si effettua una scelta, si cambia il futuro” (Deepak Chopra). Oggi per tutti noi è tempo di scelte, nel passaggio dal mondo analogico al mondo

Read More

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti per rimanere aggiornato Nota: Non mandiamo spam