Avvocati, i (positivi) effetti indiretti di una comunicazione efficace

Avvocati: una buona comunicazione fa uscire dall'anonimato

Avvocati, i (positivi) effetti indiretti di una comunicazione efficace

Martina (il nome è di fantasia) era riuscita ad ottenere l’arresto del suo stalker presentando una denuncia senza alcuna assistenza legale. Mentre era in attesa del processo, la legge di riforma del processo penale (n. 154/2017) ha modificato il codice penale.
Il Parlamento infatti ha previsto che il colpevole di alcuni reati – tra cui proprio lo stalking – potesse estinguere il reato con la “riparazione del danno”, anche tramite il pagamento alla vittima di una somma di denaro a titolo di indennizzo (la norma è stata poi modificata. Leggi la nota *)
Martina non era a conoscenza di questa novità fino a quando non si è vista notificare l’offerta di riparazione del suo stalker da un ufficiale giudiziario inviato dal tribunale.
Martina è rimasta basita e in preda a timore e preoccupazione.
Successivamente, raccontando la sua storia alla stampa, Martina ha dichiarato di non aver voluto seguire il processo per chiudere definitivamente quella pagina dolorosa della sua vita e alla domanda circa il motivo per il quale non avesse nominato sin dal principio un avvocato, Martina ha risposto: “Non ci ho proprio pensato”.

Cosa ci dice questa storia. Questa storia, vera (raccontata da La Repubblica il 6 ottobre 2017), fa riflettere sulla diffusa mancanza di conoscenza nella opinione comune riguardo alla funzione della professione di avvocato. Ci dice, infatti, qualcosa in più della vox populi sugli avvocati “azzecagarbugli”. Ci racconta infatti della percezione di “inutilità” della loro professione. E impone alcune considerazioni:

a) nonostante l’altissimo numero di legali in Italia, le persone non ne percepiscono il valore e il ruolo di utile consulente e assistente al fine di conoscere i propri diritti e farli valere;
b) la “narrazione” sociale della figura dell’avvocato ha perso per strada anche il riconoscimento del ruolo costituzionale che l’avvocato ricopre in virtù della sua intermediazione con i poteri dello Stato;
c) l’immagine dell’avvocato non corrisponde più all’impegno e alle competenze possedute da molti (anche se non da tutti);
d) di conseguenza la professione è sminuita anche sotto il profilo economico (se non percepisco il tuo valore, non ti cerco per chiederti un consiglio; e se proprio non ne posso fare a meno di te, almeno cerco di pagarti il meno possibile)

Ti riconosci in questa ricostruzione? Se la risposta è sì,  allora hai già la consapevolezza che la Comunicazione degli avvocati e degli studi legali ha una grande valenza strategica, sociale e per sviluppare il tuo business.

In questo caso posso esserti utile

*Nota. Il decreto legge fiscale n.148/2017, collegato alla Manovra 2018, ha escluso il reato di stalking da quelli che è possibile estinguere risarcendo economicamente il danno. Rimane il fatto che appena il 4% delle vittime dichiara di essersi rivolto ad un avvocato dopo aver subito molestie.

 

Related posts

ClaMor Pronti per il vostro brand

Legal Marketing: il piano di sviluppo dello studio legale in 5 mosse

Impostare un piano di business development del vostro studio legale è importante per raggiungere gli obiettivi di crescita che vi proponete. Senza chiarezza di obiettivi e pianificazione delle azioni opportune, il raggiungimento degli obiettivi rimarrà affidato al caso: vi conviene? Per evitare questo,  propongo qui i cinque passi strategici che vi suggerisco di compiere, ciascuno

Read More

Giustizia digitale: per gestire un buon progetto di innovazione serve comunicazione

Il Cepej, la commissione del Consiglio d’Europa che si occupa dell’efficienza dei sistemi giudiziari e delle buone pratiche nei 48 paesi membri, ha pubblicato a giugno 2019 alcune importanti linee guida per la realizzazione di un progetto di innovazione in ambito giudiziario (scarica Cepej Toolkit CyberJustice giugno 2019 by ClaMor) Ha indicato la strategia, attraverso

Read More
Tastiera del computer con raffigurata una bilancia

Influencer per comunicare la Giustizia. La Guida del Cepej della Comunicazione Giudiziaria

La Giurisdizione deve sapersi comunicare “bene”, cioè in maniera efficace e comprensibile. Non è più ormai questione del “se”; semmai diventa una questione del “chi”, “come” e “dove” (cioè su quali canali). E’ così allora è proprio la regola delle 5 W + H (che la regola basilare del giornalismo e- a mio avviso –

Read More

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti per rimanere aggiornato Nota: Non mandiamo spam