Facebook per Avvocati: pagina, profilo o gruppo? O tutto insieme?

Facebook per Avvocati: pagina, profilo o gruppo? O tutto insieme?

Con questo articolo, pubblicato su Altalex, Avvocatoquattropuntozero avvia il percorso per fornire agli avvocati informazioni e suggerire soluzioni per gestire in maniera efficace i social network, anche sotto il profilo professionale.
Il medium è già comunicazione, ci ha insegnato Marshall McLuhan nel 1967 descrivendo gli effetti della comunicazione elettronica (chissà su cosa ci farebbe aprire gli occhi,  oggi…)
Facebook , quanto a numeri realizzati,  è il primo social media e dunque non potevano non iniziare da qui, anche se alcune delle considerazioni che faremo sono valide per tutti i social.
Oggi introduciamo al tema, per così dire; proveremo a fare chiarezza sulle differenze tra profilo personale, pagina professionale e gruppi.
L’articolo può essere utile per quegli Avvocati che vogliono acquistare maggiore consapevolezza riguardo la propria presenza su Facebook e valorizzare il proprio profilo professionale.
Non tratteremo degli aspetti tecnici (come aprire un profilo), se non quelli strettamente necessari; ma degli aspetti qualitativi della comunicazione della propria immagine legal tramite FB.

 

L’articolo è pubblicato su www.altalex.com/avvocatoquattropuntozero

0 Condivisioni

Related posts

Mark Zuckeberg al F8 day

Facebook 2018 e la comunicazione degli avvocati: cosa è importante sapere

Molti, moltissimi avvocati utilizzano Facebook, tramite profili privati, la partecipazione a gruppi e qualcuno anche con pagine dello studio. Può perciò essere utile riflettere sulle principali novità che Mark Zuckerbeg ha annunciato essere oggetto di progetti di sviluppo nel 2018. Ieri, mentre in Italia si festeggiava la festa del (non) Lavoro (stando ai dati sulla

Read More
ClaMor - Gli Illeciti disciplinari contestati ai magistrati nel 2017 5_2_2018

Facebook e altri social: niente sanzioni anche se il magistrato è troppo loquace

Il magistrato parla troppo? Usa impropriamente i social e soprattutto Facebook? Anche se questi comportamenti mettono in crisi la credibilità della giurisdizione è impossibile sanzionarli in via disciplinare. Perché “c’è un vuoto normativo”. A dirlo è uno dei titolari dell’azione disciplinare nei riguardi dei magistrati che sbagliano, cioè il procuratore generale della Core di Cassazione,

Read More

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti per rimanere aggiornato Nota: Non mandiamo spam