Privacy, le nuove regole deontologiche per Avvocati

Un avvocato ha in mano il codice per la protezione dei dati personali

Privacy, le nuove regole deontologiche per Avvocati

Deontologia forense e rispetto delle nuove norme privacy e protezione dei dati personali: il Garante per la protezione dei dati personali completa il framework di riferimento aggiornando le Regole deontologiche che gli avvocati sono tenuti a seguire nello svolgimenti di investigazioni difensive o per far valere o difendere un diritto in sede giudiziaria.
Il 15 gennaio 2019, infatti, sono state pubblicate, nella Gazzetta Ufficiale n. 12, le “Regole deontologiche relative ai trattamenti di dati personali effettuati per svolgere investigazioni difensive o per fare valere o difendere un diritto in sede giudiziaria” (Garante Privacy, delibera 19 dicembre 2018, n. 512).
E’ lo stesso Garante ad affermare, nel comunicato, che le disposizioni ritenute conformi, ridenominate “regole deontologiche”, saranno quelle sulle quali si fonderanno, in ottemperanza al decreto legislativo 101/2018, le condizioni di liceità e correttezza dei trattamenti per scopi statistici e scientifici, per quelli a fini statistici e di ricerca scientifica nell’ambito del SISTAN, per quelli a fini di archiviazione nel pubblico interesse o di ricerca storica e per quelli effettuati per svolgere investigazioni difensive o per far valere o difendere un diritto in sede giudiziaria.
Gli avvocati dovranno, quindi, ben conoscere le disposizioni contenute nelle citate regole oltre, naturalmente, a quelle contenute nel GDPR, se è vero come è vero che il comma quarto dell’articolo 2 – quater del decreto legislativo 196/2003, dispone che il rispetto delle disposizioni contenute nelle regole deontologiche costituisce condizione essenziale per la liceità e la correttezza del trattamento dei dati personali…

Questo articolo, a firma di Maurizio Reale, è stato pubblicato su www.altalex.com/avvocatoquattropuntozero

 

Related posts

Una mano digita su una bilancia digitale

Ecco la survey LegalTech 2019 di Avvocato 4.0. Scopri chi sono e cosa fanno le start up legal

Torna la survey LegalTech Italia di Avvocato4.0. Siamo alla terza edizione. Possiamo segnalare tre highligts: il settore è molto ristretto a causa della scarsa sensibilità digitale del Paese (e conseguente mancanza di competenze adeguate) e della diffidenza generalizzata del mondo legal; le legaltech sono disruptive (per forza di cose) ma la loro motivazione è contribuire

Read More
due mani che si stringono

Scrivere uno smart contract: cosa occorre sapere

Dal codice di Giustiniano, vera rivoluzione nel diritto del mondo romano, al codice … informatico, nuova rivoluzione nell’era del diritto digitale. Contratti, accordi, lettere di intenti: da oggi in poi potranno essere opposti in giudizio anche se scritti in coding. E’ questa una delle nuove frontiere dell’avvocato 4.0, lo smart contract, soprattutto oggi che l’Italia ne ha dato

Read More
una catena con anelli e bit

Blockchain e smart contract: la storia italiana

In questo articolo sono raccolti tutti i passi legislativi e attuativi per la disciplina nell’ordinamento italiano della tecnologia blockchain e smart contract. Il percorso prende le mosse dalla presentazione dei primi emendamenti contenuti nel pacchetto “Stabilità 2019”  presentato dal Governo M5S-Lega, rimandando passaggio per passaggio agli articoli che sono stati redatti da me per Avvocatoquattropuntozero

Read More

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti per rimanere aggiornato Nota: Non mandiamo spam