Legal tech Italia: Avanti piano, nel mercato e nelle law firm. Survey 2020

Legal tech Italia: Avanti piano, nel mercato e nelle law firm. Survey 2020

Partiamo da alcuni dati “certi”: LVenture Group ha messo gli occhi su AvvocatoFlash; Lexdo.it ha prodotto oltre 600mila documenti legali (contratti, compliance, etc) e ha realizzato un round di finanziamenti da 1 milione di euro (nel 2018, con la partecipazione di Boost Heroes); Jur (start up legal non italiana ma fondata da italiani) ha realizzato a fine 2019 la Initial Exchange Offering ed ha lanciato in beta la piattaforma di legal smart contracts, inaugurata con la vendita di una Land Rover; Cicerone ha stipulato un buon contratto con Assimoco Assicurazione,e la Nous srl sta già pensando ad un nuovo progetto: legal as a service. Kopjra è ormai accreditata presso le principali Media company private italiane.
Sono questi gli eventi “salienti” che in fatto di legal tech Italia hanno segnato l’anno. Ma il percorso non è ancora diretto verso “magnifiche sorti e progressive”. Nel senso che non può certo dirsi che il settore della digitalizzazione di task forensi/legali stia già vivendo l’era della floridezza.

Avv4.0/Altalex ha pubblicato la IV edizione della mia survey annuale sul settore legaltech. Un piacere raccogliere i racconti e gli spunti dei tanti amici legal innovators!

ps C’è anche la Mappa Legal Tech 2020

0 Condivisioni

Related posts

ClaMor Letture di Innovazione legale

Avvocato 4.0: un mare di letture…innovative

Cari Amici, per Avv 4.0 ho scritto un articolo con suggerimenti utili per buone letture di legal innovation. I volumi suggeriti, molti dei quali letti personalmente e altri suggeriti da amici fidati, ci introducono in profondità nelle nuove tecnologie applicate al diritto, come l’Intelligenza artificiale applicata al ragionamento del giurista e la Blockchain; oppure suggeriscono

Read More

Giustizia (digitale) e Fase 2: una Giustizia senza voce

Ius-dicere: esporre (con la parola) il diritto. E’ probabile (oggi non ho potuto approfondire; non me ne vorranno gli studiosi di diritto romano) che il principio di oralità tipico della nostra cultura giuridica provenga dall’indissolubile nesso che da Marco Aurelio in poi ha collegato lo ius al dicere. Con un salto di 2000 anni, analizziamo

Read More

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti per rimanere aggiornato Nota: Non mandiamo spam