Avvocati, 8 azioni per la gestione di qualità dello studio legale

L'immagine raffigura un avvocato che mostra il ciclo di qualità del proprio studio

Avvocati, 8 azioni per la gestione di qualità dello studio legale

“Cambia tre abitudini all’anno e otterrai risultati fenomenali” (Anonimo).
Cosa potrebbero fare gli studi legali, stretti dalla morsa congiunta innovazione-concorrenza-crisi, per rimettersi in moto ed affrontare con maggiore consapevolezza e tonicità le sfide dell’era digitale?
Già sapete (ne ho già scritto), che sono una teorica della “dose minima” per iniziare un percorso di innovazione senza traumi.  E senz’altro un buon primo passo è organizzare in maniera efficiente l’attività dello studio legale, assicurando la compliance non solo alle norme cogenti ma anche alle regole deontologiche e alle buone prassi di una gestione organizzata e strategica dello studio legale.
Ora un modello a cui ispirarsi c’è…
E’ la prassi di riferimento UNI PdR 33:2007, Studi legale Principi organizzativi e gestione dei rischi connessi all’esercizio della professione, promossa da Asla e messa a punto da un gruppo di lavoro presso UNI (l’Ente Italiano di Normazione) formato da avvocati appartenenti a Studi ASLA e da esperti designati da UNI per l’area organizzazione/comunicazione e certificazione. E’ stata predisposta in autunno scorso, ma è di qualche giorno fa la circolare Accredia che ha avviato il percorso di certificazione per gli enti. Ma questo non significa che gli studi legale non se ne possano già avvantaggiare.
Seguendo il modello, sarà possibile iniziare a ragionare sul proprio studio come una vera e propria entità organizzata, capace di dimostrare efficienza e di raggiungere un utile contenimento dei costi inutili.
L’articolo è pubblicato su www.altalex.com/avvocatoquattropuntozero

Puoi scaricare qui la Studi legali, ciclo di qualità uni_pdr_33_2017-2

 

6 Condivisioni

Related posts

Maratona Intelligenza Artificiale

Le applicazioni di Intelligenza Artificiale a supporto del decision – makimg del giudice (c.d. Giustizia predittiva) sono considerate ad “alto rischio” dal regolamento della Commissione europea, il primo atto world wide che disciplina in maniera orizzontale l’utilizzo della costellazione di tecnologie che comunemente chiamiamo Intelligenza Artificiale. Se volete addentrarvi di più nel rapporto tra AI

Read More

L’Innovazione legale è una questione di genere: chi sono le game changers nella legal industry

Il who’s who delle legal innovators, delle game changers della legal industry, è stato pubblicato su Avvocato4.0 l’8 marzo scorso. Anche per esperienza diretta, posso dire che sono proprio le professioniste donne quelle che esplorano con più curiosità e entusiasmo la dimensione digitale, studiano, cambiano, vanno avanti. Abbiamo raccontato avvocate e professioniste giuriste che –

Read More

Legal tech Italia: Avanti piano, nel mercato e nelle law firm. Survey 2020

Partiamo da alcuni dati “certi”: LVenture Group ha messo gli occhi su AvvocatoFlash; Lexdo.it ha prodotto oltre 600mila documenti legali (contratti, compliance, etc) e ha realizzato un round di finanziamenti da 1 milione di euro (nel 2018, con la partecipazione di Boost Heroes); Jur (start up legal non italiana ma fondata da italiani) ha realizzato

Read More

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti per rimanere aggiornato Nota: Non mandiamo spam