Scrivere uno smart contract: cosa occorre sapere

due mani che si stringono

Scrivere uno smart contract: cosa occorre sapere

Dal codice di Giustiniano, vera rivoluzione nel diritto del mondo romano, al codice … informatico, nuova rivoluzione nell’era del diritto digitale.

Contratti, accordi, lettere di intenti: da oggi in poi potranno essere opposti in giudizio anche se scritti in coding. E’ questa una delle nuove frontiere dell’avvocato 4.0, lo smart contract, soprattutto oggi che l’Italia ne ha dato un primo riconoscimento giuridico.

Codice alla mano (quello informatico), dunque, per scrivere programmi software che colleghino, in un rapporto di causa-effetto, alcune condizioni con il verificarsi di alcuni eventi vincolanti, senza alcun intervento umano, cioè auto – eseguendosi, e spostando valore, asset, pur se non necessariamente da un soggetto ad un altro.
Questo articolo è pubblicato su www.altalex.com/avvocatoquattropuntozero

0 Condivisioni

Related posts

Legal tech Italia: Avanti piano, nel mercato e nelle law firm. Survey 2020

Partiamo da alcuni dati “certi”: LVenture Group ha messo gli occhi su AvvocatoFlash; Lexdo.it ha prodotto oltre 600mila documenti legali (contratti, compliance, etc) e ha realizzato un round di finanziamenti da 1 milione di euro (nel 2018, con la partecipazione di Boost Heroes); Jur (start up legal non italiana ma fondata da italiani) ha realizzato

Read More
ClaMor Letture di Innovazione legale

Avvocato 4.0: un mare di letture…innovative

Cari Amici, per Avv 4.0 ho scritto un articolo con suggerimenti utili per buone letture di legal innovation. I volumi suggeriti, molti dei quali letti personalmente e altri suggeriti da amici fidati, ci introducono in profondità nelle nuove tecnologie applicate al diritto, come l’Intelligenza artificiale applicata al ragionamento del giurista e la Blockchain; oppure suggeriscono

Read More

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti per rimanere aggiornato Nota: Non mandiamo spam