Scrivere uno smart contract: cosa occorre sapere

due mani che si stringono

Scrivere uno smart contract: cosa occorre sapere

Dal codice di Giustiniano, vera rivoluzione nel diritto del mondo romano, al codice … informatico, nuova rivoluzione nell’era del diritto digitale.

Contratti, accordi, lettere di intenti: da oggi in poi potranno essere opposti in giudizio anche se scritti in coding. E’ questa una delle nuove frontiere dell’avvocato 4.0, lo smart contract, soprattutto oggi che l’Italia ne ha dato un primo riconoscimento giuridico.

Codice alla mano (quello informatico), dunque, per scrivere programmi software che colleghino, in un rapporto di causa-effetto, alcune condizioni con il verificarsi di alcuni eventi vincolanti, senza alcun intervento umano, cioè auto – eseguendosi, e spostando valore, asset, pur se non necessariamente da un soggetto ad un altro.
Questo articolo è pubblicato su www.altalex.com/avvocatoquattropuntozero

Related posts

Recensione/Homo Deus. Ho fatto un viaggio…nel futuro

In puro stile vacanziero, ho fatto un viaggio… nel futuro Ho appena finito di leggere l’ultimo volume di Yuval Noah Harari, “Homo Deus – Breve storia del futuro”. Harari è uno storico e si esercita con la futurologia, attività molto in voga in questa epoca di trasformazione; ma a mio avviso tutt’altro che onirica. L’autore

Read More

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti per rimanere aggiornato Nota: Non mandiamo spam