Prevedibilità degli assegni di mantenimento: il caso ReMida Famiglia

Due fedi possiate sulla tastiera del pc

Prevedibilità degli assegni di mantenimento: il caso ReMida Famiglia

Oggi presentiamo un modello matematico per il calcolo dell’assegno di mantenimento coniugale in caso di separazione e divorzio, che è stato costruito, collaudato e reso operativo (Re Mida Famiglia, appunto) nel Tribunale di Sondrio.

Il progetto si deve a Gianfranco D’Aietti, docente a contratto di informatica giuridica ed  ex presidente del tribunale di Sondrio, ora in pensione, che ha dedicato molto impegno negli anni a ideare sistemi più o meno esperti per la quantificazione o la quantificabilità obiettiva di alcuni aspetti tipicamente giuridici. Negli anni si è occupato di calcolo di tassi di usura, di interessi e rivalutazioni, di danno alla persona.

Da circa 9 anni si occupa di un nuovo progetto, in una delle aree più sensibili e ad alto grado di litigiosità e di rilevanza sociale: quella della crisi della famiglia.
Il progetto è volto alla realizzazione di un sistema (e del software applicativo) per un calcolo predittivo volto alla quantificazione del più “corretto” assegno di mantenimento del coniuge e/o dei figli in caso di separazione e divorzio.

In questo caso non siamo nell’ambito della Intelligenza artificiale propriamente detta, cioè di applicazione di sistemi di deep learning che autoproducano decisioni giudiziarie, ma di un sistema esperto anche predittivo basato su un modello matematico ed un algoritmo che lavora su un data set specifico tratto da case history raccolte in quantità.

Questo articolo è pubblicato su www.altalex.it/avvocatoquattropuntozero

Related posts

Legal tech Italia: Avanti piano, nel mercato e nelle law firm. Survey 2020

Partiamo da alcuni dati “certi”: LVenture Group ha messo gli occhi su AvvocatoFlash; Lexdo.it ha prodotto oltre 600mila documenti legali (contratti, compliance, etc) e ha realizzato un round di finanziamenti da 1 milione di euro (nel 2018, con la partecipazione di Boost Heroes); Jur (start up legal non italiana ma fondata da italiani) ha realizzato

Read More

Giustizia (digitale) e Fase 2: una Giustizia senza voce

Ius-dicere: esporre (con la parola) il diritto. E’ probabile (oggi non ho potuto approfondire; non me ne vorranno gli studiosi di diritto romano) che il principio di oralità tipico della nostra cultura giuridica provenga dall’indissolubile nesso che da Marco Aurelio in poi ha collegato lo ius al dicere. Con un salto di 2000 anni, analizziamo

Read More
Una grafica con i loghi di due start up

Joint tech: l’operazione effervescente di Lexdo.it e Qonto

Due start up, una fintech e una legaltech, hanno annunciato oggi una joint venture per offrire servizi integrati alle pmi. Qonto e LexDo.it, due piattaforme che conosco sin dalla nascita, potremmo dire, hanno stipulato un accordo per favorire la nascita e lo sviluppo delle PMI italiane. Questa operazione mi ha colpito perché dimostra come l’innovazione

Read More

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti per rimanere aggiornato Nota: Non mandiamo spam