Femminicidio e violenza domestica: tutti i dati in Italia. Il reato è un fatto di famiglia

Una immagine evocativa delle vittime di violenza sulle donne

Femminicidio e violenza domestica: tutti i dati in Italia. Il reato è un fatto di famiglia

Anno 2019. Il 9 agosto entra in vigore la legge cosiddetta “codice rosso”, legge n. 69/2019,  pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 29 luglio. Vediamo le principali novità, sintetizzabili in un “giro di vite” per i delitti di violenza familiare e di genere.
I nuovi reati. Sono introdotto nuove fattispecie delittuose: Costrizione al matrimonio, il cosiddetto “Revenge porn”, ossia la realizzazione, diffusione e condivisione di video e immagini sessualmente espliciti (punito con reclusione da uno a sei anni e pena pecuniaria da 5mila a 15mila euro), il delitto di deformazione dell’aspetto mediante lesioni permanenti al viso (punito con la reclusione da 8 a 14 anni). Quest’ultimo delitto abroga e sostituisce il delitto di lesioni personali gravissime, punito fino a 12 anni.
Infine viene introdotto il reato di violazione  del provvedimento di allontanamento dalla casa familiare o di avvicinamento (punito con reclusione da sei mesi a tre anni).
Diventano reati perseguibili d’ufficio gli atti sessuali nei confronti di minori
L’inasprimento di sanzioni. Riguarda i reati di maltrattamenti in famiglia, aggravato se in presenza di minore, a danno di una donna in stato di gravidanza, di persona con disabilità o con armi, i delitti di violenza sessuale, attui sessuali con minorenne, di gruppo. Ergastolo per l’omicidio aggravato dalla relazione personale in un più ampio numero di ipotesi..
La procedura accelerata e il trattamento psicologico. La legge 69/2019 prevede una procedura accelerare nel caso il pubblico ministero abbia ricevuto notizia di reato: è stabilito che debba ascoltare la persona offesa o chi ha effettuato la denuncia entro 3 giorni, procedendo agli atti di indagine immediatamente. Quanto al reo, la legge specifica che potrà ottenere la sospensione condizionale della pena solo ove partecipasse ad apposito corsi di recupero presso centri di assistenza, mentre modifica l’ordinamento penitenziario (art. 4-bis, legge n. 354 del 1975) per consentire l’applicazione dei benefici penitenziari per i condannati per il delitto di deformazione dell’aspetto mediante lesioni permanenti al viso solo sulla base dei risultati dell’osservazione
scientifica della personalità condotta collegialmente per almeno un anno.

Anno 2018. Si stima che siano 8 milioni 816mila (43,6%) le donne fra i 14 e i 65 anni che nel corso della vita hanno subito qualche forma di molestia sessuale e si stima che siano 3 milioni 118mila le donne (15,4%) che le hanno subite negli ultimi tre anni.
Circa 1 milione 173 mila donne fra i 15 e i 65 anni hanno subito ricatti sessuali sul posto di lavoro nel corso della loro vita lavorativa.
Sono i dati Istat nell’ultima rilevazione consultabile, pubblicata nel 2018.

Una tabella con i dati dei ricatti sessuali alle donne sui luoghi di lavoro

Considerando solo le tipologie di molestie sessuali rilevate anche nell’indagine ISTAT del 2008-2009, il fenomeno risulta in sensibile diminuzione. La stima delle donne che hanno subito molestie sessuali nei tre anni precedenti alle indagini è passata da 3 milioni 778mila (18,7%) nel 2008-2009 a 2 milioni 578 mila (12,8%) nel 2015-16.

Per la prima volta sono rilevate le molestie a sfondo sessuale anche ai danni degli uomini: si stima che 3 milioni 754mila uomini le abbiano subite nel corso della loro vita (18,8%), 1 milione 274 mila negli ultimi tre anni (6,4%).

Gli autori delle molestie a sfondo sessuale risultano in larga prevalenza uomini: lo sono per il 97% delle vittime donne e per l’85, 4% delle vittime uomini.

Molestie verbali. Le molestie verbali sono la forma più diffusa sia nel corso della vita (24% delle donne e 8,2% degli uomini) sia nei tre anni precedenti all’indagine.

Le molestie con contatto fisico, ovvero le situazioni in cui le vittime sono state accarezzate o baciate contro la loro volontà, sono state subite nel corso della propria vita dal 15,9% delle donne e dal 3,6% degli uomini.

Nella maggior parte dei casi, il 60%, questo tipo di molestie sono perpetrate da estranei o da persone che si conoscono solo di vista (15,8%). Considerando l’intero corso della propria vita, avvengono più frequentemente sui mezzi di trasporto pubblici per le donne (27,9% dei casi) mentre per gli uomini nei locali come pub, discoteche, bar (29,2%).

La percezione della gravità delle molestie fisiche subite è molto diversa tra i generi: il 76,4% delle donne le considera molto o abbastanza gravi contro il 47,2% degli uomini.

Molestie attraverso il web. Sono diffuse anche le molestie attraverso il web: nel corso
della propria vita il 6,8% delle donne ha avuto proposte inappropriate o commenti osceni o maligni sul proprio conto attraverso i social network e all’1,5% è capitato che qualcuno si sia sostituito per inviare messaggi imbarazzanti o minacciosi od offensivi verso altre persone. In questo caso il dato degli uomini non è particolarmente diverso (rispettivamente 2,2% e 1,9%).

Leggi la Relazione Istat La dimensione del fenomeno della violenza di genere 2018

 

In difesa delle donne (2018)

L’Ufficio di Valutazione Impatto del Senato della Repubblica ha predisposto una Guida pratica  per orientarsi tra gli aiuti disponibili a livello nazionale e nei piani di intervento regionale.
Dalle case rifugio per le donne in fuga da partner violenti al codice rosa che accoglie le vittime al pronto soccorso, dalle campagne di sensibilizzazione nelle scuole ai centri per il recupero di uomini maltrattanti, ecco una ricognizione delle risorse più significative.
Leggi  e scarica la Guida_In_difesa_delle_donne UIV Senato 2018

 

LINEE GUIDA CSM PER UNA EFFICIENTE RISPOSTA GIUDIZIARIA  (2018)

Per provare a garantire una risposta giurisdizionale efficiente, il Consiglio superiore della magistratura ha approvato il 9 maggio scorso alcune Linee guida per la migliore organizzazione degli uffici giudiziari, procure e tribunali per la trattazione dei procedimenti penali nei casi femminicidio, stalking, stupro etc.
Le linee guida sono rivolte ai capi delle Procure e dei Tribunali, affinché predispongano nel miglior modo possibile gli uffici per una presa in carico di questi reati che dia risposte tempestive – ove ancora possibile- ai fini di tutela preventiva della vittima; o assicuri i responsabili alla giustizia il prima possibile.
Le linee di intervento sono quattro.
Specializzazione di pm e giudici (e magistrati onorari che se ne occupano in sede monocratica) con la costituzione di dipartimenti/gruppi di lavoro dedicati, valorizzando le specifiche attitudini dei singoli magistrati in fase di assegnazione.
Misure organizzative. Quanto alle tipologie di reato, ferma restando l’autonomia organizzativa dei procuratori, le indicazioni contenute nella delibera vanno nel senso di allargare la sfera dei reati nel cono delle linee guida a tutti quelli contro la libertà sessuale e la famiglia, il femminicidio, la prostituzione minorile, i maltrattamenti, la pedo pornografia, nonché quelli di mutilazione di organi sessuali, abbandono di minore o incapace, interruzione colposa o non consensuale di gravidanza, sottrazione di incapace e sottrazione e trattenimento di minore all’estero, adescamento di minore, istigazione alla pedofilia. Il Csm segnala l’opportunità di introdurre strumenti correttivi di riequilibrio rispetto alle pendenze medie sui ruoli e di accedere ad una positiva prassi organizzativa qual è l’utilizzo dello strumento processuale di cui all’art. 132 bis att. c.p.p., che consente corsie preferenziali per la trattazione dei procedimenti per violenza di genere e domestica. In questa prospettiva, il Csm suggerisce che fra gli uffici giudicanti e requirenti sia raggiunta una intesa per un coordinamento e raccordo nell’individuazione dei criteri di priorità e nella scelta degli incombenti processuali più adeguati a garantire la protezione della vittima.
Collaborazione magistratura e forze di polizia. Al fine di  riconoscere gli indici sintomatici della violenza di genere e di garantire alla vittima una protezione efficace al di là dell’applicazione di misure cautelari, il CSM suggerisce di valorizzati i protocolli operativi che garantiscono la specializzazione delle forze di polizia, un efficace coordinamento delle stesse con l’autorità giudiziaria, onde prevenire i rischi per la vittima, un’accurata attività di raccolta delle notizie di reato, la previsione – nelle Procure – di un c.d. “turno violenza”; l’adozione di strumenti ed accorgimenti – in fase investigativa e dibattimentale – tali da evitare danni emotivi alle vittime (si pensi alle modalità di ascolto della vittima, che – per il trauma psicologico subito – può avere bisogno della presenza di esperti in psicologia o psichiatria che supportino gli inquirenti). Sotto il profilo della protezione della vittima, si auspica poi la diffusione di informazioni complete, comprensibili e chiare alle potenziali vittime di violenza. Ulteriori profili rilevanti riguardano l’opportunità di un coordinamento con la magistratura minorile, i giudici civili, le reti antiviolenza, i presidi sanitari e i servizi sociali, onde mettere a disposizione della magistratura tutti gli strumenti utili a prevenire i reati o, comunque, a fornire protezione e supporto alle vittime.

Gli ultimi dati sulla violenza di genere. Negli ultimi 4 anni si sono contati 600 omicidi: praticamente uno ogni due giorni.
Quello che facciamo fatica ad accettare, e forse qualche volta neghiamo, è che (con riguardo specifico ai femminicidi)
a) il 77% di vittime e autori sono italiani (dunque l’immigrazione non c’entra nulla)
b) il 55% di vittime e autori sono/erano legati da una relazione amorosa; nel 17% da parentela.
c) il 75% degli omicidi si consuma in famiglia.

Questi dati sono frutto di una analisi concreta, collegata strettamente ai fatti accaduti tra il 2010 ed il 2015 e raccontati in 400 sentenze di condanna, studiate dalla Direzione nazionale di Statistica del Ministero della Giustizia.

“Dall’analisi emerge un profilo primitivo circa le modalità dell’omicidio. Non siamo solo in presenza di esecuzioni rapide con armi da fuoco ma di veri e propri ammazzamenti a seguito di colluttazioni corpo-a-corpo in cui l’uomo sfoga una rabbia inaudita”, illustra con chiarezza e crudezza la ricerca.
Impressionante il calcolo delle “armi” usate. L’arma da fuoco è lo strumento utilizzato solo nel 12% dei casi; a segnalare l’effetto raptus di questi episodi c’è l’uso di armi taglienti (coltelli, forbici etc) nel 40% dei casi, nel 15% dei casi sono utilizzati armi contundenti, nel 9% calci e pugni. In mancanza, anche le sole mani vanno bene: infatti il 18% delle morti è avvenuta per strangolamento.

Le armi utilizzate nei femminicidi- Statistiche anni 2010-2016
Gli esiti processuali sono impressionati. Se è vero che in primo grado le sentenze (quasi tutte a 20 anni di reclusione) sono nel 86% dei casi di condanna, è altresì significativo che il 7% dei casi di assoluzione (pari al 14% circa) avviene per accertata incapacità di intendere e di volere del reo al momento del fatto.

Clicca per scaricare la Inchiesta con analisi statistica del femminicidio in Italia, Ministero della Giustizia

Segnaliamo che il 6 febbraio 2018 è stata approvata dalla Commissione di inchiesta parlamentare sul femminicidio la Relazione finale che puoi scaricare cliccando DOC XX-Bis

 

Related posts

Nella foto il Presidente della Repubblica in Corte di Cassazione

Anno Giudiziario, la fotografia della Giustizia nel 2018

Non riuscirei a comunicare competenza legale se non amassi il diritto. In un modo liquido e disintermediato può sembrare superata la cerimonia di inaugurazione dell’Anno giudiziario in Corte di Cassazione, che si celebra ogni anno a gennaio. Eppure, le relazioni inaugurali fotografano l’Italia, nel bene e nel male. Lo stato della Giustizia, infatti, non riguarda

Read More
Quattro omini intorno ad un tavolo

Negoziazione assistita: come e per quali materie funziona

L’istituto della negoziazione assistita procede a piccoli passi. Secondo gli ultimi dati comunicati dal Ministero della Giustizia al Parlamento (Doc. CCXXVIII n. 1), il numero delle controversie definite positivamente nel 2017 sono state 5316 (4132 nel 2016): dunque 184 in più. Ma mentre la negoziazione funziona efficacemente nella soluzione di crisi coniugali, nella relazione al Parlamento

Read More
Grafico a torta con percentuali Misure alternative al carcere

Esecuzione penale: la riforma delle carceri tra II e III Repubblica

Quella delle carceri è proprio una riforma di civiltà in bilico tra la II e III Repubblica. Portata avanti – a fatica- nella scorsa legislatura, la riforma ha potuto contare su molti assist (politici e istituzionali) e altrettante bordate (politiche, anche di fuoco amico), in una altalena continua ormai da tre anni. Scritta a più

Read More

Iscriviti alla newsletter

Iscriviti per rimanere aggiornato Nota: Non mandiamo spam